La morte è necessaria?

I Giovani, i putti e gl'Huomini tutti s'hann'a incenerire, bisogna morire. I sani, gl'infermi, i bravi, gl'inermi tutt'hann'a finire, bisogna morire. Stefano Landi (1587-1639), "Passacaglia della Vita" L'ineluttabilità della morte è un argomento che permea la letteratura da quando l'uomo ha cominciato a scrivere. Ma questa è davvero un fatto necessario, intrinsecamente contenuto nella fisica … Leggi tutto La morte è necessaria?

Annunci

“Il Mascelluto” e “Cristo”: la fine del fascismo tra satira e tragedia

Qualche giorno fa camminavo a passo lento per uno dei numerosi paesi del territorio etneo, quando, alzando lo sguardo, ho scorto una scritta su un vecchio edificio un po’ malandato, di quelli costruiti tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del secolo scorso. In realtà non era una vera e propria scritta, ma degli evidenti … Leggi tutto “Il Mascelluto” e “Cristo”: la fine del fascismo tra satira e tragedia

La fine dell’uomo: morte cardiaca e morte cerebrale

Così detto, spirò. Sciolta dal corpo Prese l’alma il suo vol verso l’abisso, Lamentando il suo fato ed il perduto Fior della forte gioventude. [Omero, Iliade] Spirò. È questo l'istante che, per Omero, segna la fine di Ettore. La rappresentazione della morte come esalazione dell'ultimo respiro o come definitivo spegnersi delle pulsazioni del cuore è talmente … Leggi tutto La fine dell’uomo: morte cardiaca e morte cerebrale

Come finisce un racconto: per una teoria dell’epilogo

"Un libro (io credo) è qualcosa con un principio e una fine [...] è uno spazio in cui il lettore deve entrare, girare, magari perdersi, ma a un certo punto trovare un'uscita, o magari parecchie uscite, la possibilità d'aprirsi una strada per venirne fuori." (Italo Calvino, "Presentazione" a Le città invisibili). Il testo narrativo presenta, nella … Leggi tutto Come finisce un racconto: per una teoria dell’epilogo

La Terra Desolata: fine e consapevolezza della fine

Chiunque abbia letto il celebre poemetto modernista The Waste Land, pubblicato da T. S. Eliot nel 1922, avrà certamente sperimentato la frustrazione di trovarsi di fronte a un puzzle complesso, fatto di citazioni rimaneggiate, plurilinguismo, immagini di difficile decifrazione e riferimenti culturali appartenenti alle più svariate epoche e culture. Scritto negli anni immediatamente successivi al … Leggi tutto La Terra Desolata: fine e consapevolezza della fine

Confini e vaghezza: un problema filosofico

Sembra sempre molto semplice, ogni volta che abbiamo un oggetto, per esempio un tavolo, riconoscere, grazie ai nostri strumenti percettivi, una ben precisa linea di demarcazione tra il tavolo e l'ambiente circostante. Ma prendiamo adesso il caso di un oggetto più grande, per esempio una montagna come il Cervino: se stiamo scendendo lungo il pendio, … Leggi tutto Confini e vaghezza: un problema filosofico

Fine della vecchia crisi o inizio di una nuova?

Negli USA l’inflazione latita mentre al contrario l’occupazione mostra buoni segnali, la Cina è in crisi eppure cresce del 7%, in Europa forse inizierà la ripresa ma la disoccupazione italiana è ancora sopra il 10%. Churchill diceva che quando parlava con due economisti sentiva sempre due pareri diversi, a meno che uno non fosse il … Leggi tutto Fine della vecchia crisi o inizio di una nuova?